La Tate Modern apre una scuola d’arte gratuita per bambini (e risponde ai tagli del governo)

L’insegnamento delle arti a titolo gratuito, in collaborazione con gli studenti e gli ex alunni del Central Saint Martins, si propone di mettere in evidenza un sistema educativo in crisi

La Tate Modern di Londra ha dedicato uno spazio per una scuola d’arte gratuita, in collaborazione con gli studenti e gli ex alunni del Central Saint Martins, nel suo Switch House Space. I visitatori potranno partecipare a workshop, conferenze e corsi che mirano a mettere in evidenza la crisi attuale dell’educazione artistica nelle scuole. Il programma fa parte di un progetto più ampio per rendere la galleria più accessibile al grande pubblico. Nell’offerta sono inclusi una sfilata di moda con abiti realizzati con i rifiuti riciclati e un dibattito sulle donne nell’arte. “Si tratta di uno scambio culturale tra il pubblico e ciò che possiamo offrirgli con musei e gallerie come spazi creativi” ha detto Anna Cutler, direttrice dei corsi al Tate. Probabilmente sarà impossibile ignorare i piani del governo inglese che attualmente minaccia il futuro di materie artistiche. Dai tagli alle gallerie locali, ai programmi di sensibilizzazione nelle scuole.

schermata-2017-01-11-alle-10-29-57

Alex Schady, il responsabile del programma di arte al Central Saint Martins, ha dichiarato: “La minaccia sui tagli dell’educazione artistica è alla base del nostro progetto. Bisogna accendere i riflettori sull’arte, è fondamentale che sia un pilastro nel programma di studi in un paese come il nostro”. La scuola d’arte è parte del programma di Tate Exchange, che ha visto la galleria collaborare con la Open University per esplorare questioni relative alla migrazione e con ex-militari per uno studio di senzatetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia