Questa bambina di 4 anni ha già letto più di mille libri

La Biblioteca degli Stati Uniti ha premiato la bambina Daliyah per la sua straordinaria capacità, facendola diventare “bibliotecaria per un giorno”

A quasi tre anni, la maggior parte dei bambini riesce a cogliere a malapena il concetto che un testo racconta qualcosa. A due anni e undici mesi, invece, Daliyah Marie Aran ha letto il suo primo libro. C’è da dire che il suo amore per la lettura è arrivato molto presto: mentre la madre era incinta della bimba, le leggeva libri quotidianamente.

bambina

Ora, a quattro anni, la bambina ha letto più di mille libri ed è riuscita addirittura a leggere alcuni testi universitari. L’abilità della bimba ancora in età prescolare e la sua passione per la letteratura hanno impressionato Carla Hayden, il 14 ° Bibliotecario del Congresso degli Stati Uniti d’America. Come premio ha conferito alla piccola il titolo di “bibliotecaria per un giorno”. Naturalmente, Daliyah non è nuova alle biblioteche. Nella sua cittadina in Georgia, Gainesville, ha una sua tessera ed è una regolare frequentatrice della biblioteca locale. “Mi piace controllare i libri ogni giorno e voglio insegnare ad altri bambini della mia età a leggere” ha detto Daliyah. La madre spera che, con l’esempio di sua figlia, altri genitori incoraggino ed insegnino ai loro figli a leggere in così tenera età. “Mia figlia al momento è una spugna in grado di assorbire così tanto e così in fretta, riuscendo a mantenere ciò che impara” ha detto la mamma della bambina. Un vocabolario e una comprensione della lettura impressionanti, che potrebbero essere stati favoriti dalla sua origine bilingue (il padre è messicano), con cui la bimba parla anche in spagnolo.

Schermata 2017-01-20 alle 17.31.25

 

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia