Lucia Lorenzini

Lucia Lorenzini

Mag 24, 2017

L’arte di creare una lingua. Game of Thrones è materia di studio, anche a Berkeley

La serie dei record protagonista di una summer school in California intitolata Le lingue de Il Trono di Spade e l'arte di creare un idioma

Game of Thrones, in Italia Il Trono di Spade, la serie dei record basata sui romanzi di George RR Martin, raggiunge un altro primato: una summer school dell’Università di Berkeley, in California, intitolata Le lingue de Il Trono di Spade e l’arte di creare un idioma. Il corso si svolgerà per sei settimane tra maggio e giugno e sarà tenuto dal creatore delle lingue Dothraki e Alto Valiriano, David J. Peterson. L’autore ha conseguito il Master in Linguistica all’università di San Diego nel 2005, e quattro anni più tardi è stato assunto per lavorare alla serie fantasy della HBO. “Da quel momento ho lavorato circa ad una dozzina di altri spettacoli e film. Il linguaggio è diventato tutta la mia vita” ha detto Peterson.

L’arte di creare una lingua

Il corso si concentra sulla l’arte di creare una lingua: «In questo caso, gli studenti stanno per imparare a creare un idioma naturalistico. Si tratta di linguaggi che tentano il più possibile di replicare i capricci e le idiosincrasie delle lingue naturali, quelle che si sono evolute naturalmente sulla Terra. Non c’è l’intenzione di concentrarsi sulla creazione di un linguaggio alieno, o linguaggi ausiliari, o linguaggi parodia» ha spiegato.
Peterson ha paragonato la sua classe ad un corso di Visual Art di paesaggi e nature morte, e gli studenti impareranno i suoni, i significati delle parole e la grammatica delle lingue naturali e di come si sono evolute. Ha aggiunto che Il Trono di Spade e il mondo immaginato da George RR Martin nella serie di libri Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, servirà come una sorta di dispositivo in cui incorniciare il corso, in modo che gli studenti possano concentrarsi sui dettagli linguistici delle loro creazioni, e non sul lato immaginario.

Metà arabo, metà spagnolo

Tre anni fa il linguista è uscito con Living Language Dothraki, un CD della durata di un’ora con 128 pagine di guida ufficiale sulla lingua parlata da Khal Drogo. L’autore la descrive come un mix di fonemi che ricordano per metà la lingua araba e per metà quella spagnola. Nel 2015 ha pubblicato anche una guida per la costruzione di una lingua The Art of Language Invention: From Horse-Lords to Dark Elves, the Words Behind World-Building, che ripercorre la storia degli strumenti per la creazione di un linguaggio e le azioni che bisogna adottare per inventare e continuare l’evoluzione di nuovi linguaggi.