L'orsetto misura febbre per un rientro a scuola sicuro
single.php

Ultimo aggiornamento il 16 agosto 2020 alle 7:58

L’orsetto misura febbre per un rientro a scuola sicuro

Ideato da Borinato Security, questo dispositivo è pensato per materne ed elementari

In vista del ritorno tra i banchi il 14 settembre, l’azienda Borinato Security ha ideato una Covid Station per misurare la febbre agli alunni e rilasciare gel igienizzante prima di entrare in istituto. La Bear Station si presenta come un simpatico orsetto ad altezza bimbi, con termoscanner e possibilità di rilasciare messaggi vocali personalizzati. Da fine febbraio l’emergenza sanitaria ha costretto milioni di studenti alla didattica a distanza, mostrando da una parte la grande resilienza degli insegnanti, ma confermando dall’altra l’imprescindibile ruolo della scuola come luogo fisico dove imparare e incontrarsi. Pur essendo in piena Fase 3, soltanto tra un mese potremmo dire che l’Italia è finalmente tornata alla normalità.

Leggi anche: Didattica digitale, Chiara Burberi (Redooc): «Serve una nuova strategia dell’educazione»

Un orsetto dà il bentornati

«In questo difficile momento – ha commentato il fondatore Leonardo Borinato – il nostro pensiero è andato subito ai bambini, la soluzione era riuscire a realizzare un dispositivo anti-covid che trasformasse il controllo della temperatura e la disinfezione delle mani in un gioco, che diventerà poi una divertente abitudine per loro». In collaborazione con la T3 Progetti di Vicenza, Borinato ha realizzato una gamma di prodotti appositamente studiata per l’ambiente scolastico, dalle scuole materne passando per le primarie, le superiori e infine le università.

Leggi anche: Scuola online, vende i giocattoli per comprarsi un pc. Gara di solidarietà sul web

Negli ultimi mesi la politica ha discusso – e litigato – sulla data del rientro tra i banchi. I critici hanno rimproverato la scelta del governo di tener chiuse scuole e università per mesi, lasciando invece che tutte le altre attività riaprissero. Palazzo Chigi ha difeso la propria posizione, sostenendo che il rientro avrebbe comportato rischi eccessivi per la salute di studenti, genitori, insegnanti e personale scolastico. Ora che mancano poche settimana al suono della campanella, l’auspicio di tutti è che da settembre non smetta più di suonare.

Leggi anche: L’app che insegna matematica a tutti. E contrasta l’abbandono scolastico

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter