Cos'è Duolingo, l'app che ti insegna 20 lingue (e ha preso 45 milioni da Google) immagine-preview
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 12 giugno 2015 alle 15:29

Cos’è Duolingo, l’app che ti insegna 20 lingue (e ha preso 45 milioni da Google)

La startup per imparare le lingue è arrivata a 100 milioni di utenti in tutto il mondo, ed ha ricevuto un finanziamento dal fondo Google Capital di 45 milioni di dollari

Corsi completamente gratuiti, 20 lingue a portata di clic. Duolingo, la startup per imparare le lingue con lo smartphone, ha ricevuto un investimento di 45 milioni di dollari dal fondo di Google Capital. Quella che nel 2013 è stata nominata “app dell’anno” da Apple, e “migliore app nel settore educativo” da TechCrunch, continua ad aumentare risorse (ora la società avrebbe a disposizione 83,3 milioni di dollari) e utenti: secondo Duolingo, sarebbero oltre 100 milioni in tutto il mondo. Inoltre, il sito ha anche una piattaforma specifica per le scuole, con più di 100 mila insegnanti registrati che usano l’app per fare lezione nelle proprie classi.

duolingo-header-664x374

“L’obiettivo originario di Duolingo era di offrire corsi di lingua gratuiti al mondo” ha detto il co-fondatore e Ceo Luis von Ahn a Business Insider: “Ora siamo focalizzati a offrire il miglior metodo d’apprendimento possibile a quante più persone al mondo. Per farlo, stiamo lavorando per migliorare l’app e renderla divertente in modo che gli studenti rimangano e abbiano un percorso di apprendimento personalizzato sui loro bisogni. Questo è impossibile con il modello di istruzione tradizionale”.

Come funziona Duolingo?

Duolingo applica il metodo di apprendimento “Rosetta Stone”, il metodo ispirato alla Stele di Rosetta. Nato come un sito, Duolingo si è concentrato poi sull’universo mobile, creando un’app per imparare le lingue dallo smartphone. L’utente può imparare – giocando – fino a 20 lingue straniere, attraverso degli obiettivi sempre più difficili. Valutata intorno ai 470 milioni, Duolingo deve il suo successo principalmente a due fattori: gamification delle lezioni, e completa gratuità. Invece di forzare l’utente a memorizzare frasi e parole, l’app propone video, immagini e suoni e che rendono la lezione un gioco interattivo, con il quale si guadagnano punti man mano che si procede con le lezioni e si perdono vite se si sbaglia parole. Fate troppi errori? Duolingo vi fa ricominciare da capo. L’app monitora i progressi, registra i risultati e gli errori che fate più di frequente. Il percorso di apprendimento si può strutturare come un percorso di allenamento, con obiettivi giornalieri “per restare motivati”.

C’è anche la lingua di Star Trek

Intuitiva e semplice da utilizzare, Duolingo è l’app più scaricata della categoria “Education” sia sul Google Play sia su iTunes. Forse è anche per il numero dei corsi a disposizione: 20 se seguite i corsi in inglese (ad esempio svedese, ebraico ed anche il klingon, la lingua di Star Trek), di meno se parlate altre lingue. I corsi disponibili in italiano sono 4: francese, spagnolo, tedesco e inglese.

Come guadagna?

Duolingo, è stata lanciata nel 2012 dall’inventore del reCAPTCHA, Luis von Ahn e da un suo studente Severin Hacker, che ha sviluppato il sistema di traduzione delle frasi tratte da, che era alla base del suo business model iniziale. Oltre ad essere una piattaforma di elearning, infatti, Duolingo ha un modello di business crowdsourced. Il pubblico è invitato a tradurre contenuti sulla piattaforma e votare i contenuti migliori. I testi provengono da organizzazioni che pagano Duolingo per la traduzione. Come ha scritto TechCrunch, la società ha però deciso di non inseguire il business delle traduzioni, per focalizzarsi sul settore dell’e-learning.duolingo

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter