immagine-preview

Ago 21, 2018

Scuola: tre consigli pratici per un rientro sereno

La ripresa scolastica può essere entusiasmante ma anche molto complessa, specialmente per chi soffre d'ansia o depressione. Ecco alcuni test, suggerimenti e siti per gestire al meglio il rientro dalle vacanze.

Tornare a scuola può essere eccitante, ma anche molto impegnativo psicologicamente in particolare per adolescenti che hanno subìto bullismo, ansia, stress, depressione o traumi. Ma esistono modi efficaci per prepararsi, sostiene Theresa Nguyen, assistente sociale e vicepresidente per la politica e i programmi della Mental Health America, importante e riconosciuta organizzazione no-profit impegnata a supportare persone in difficoltà e promuovere la salute mentale.

 

 

I sintomi dell’ansia

Nguyen sostiene che la maggior parte degli studenti è entusiasta di tornare a scuola entro la fine dell’estate. Ma per il 20% di essi  la ripresa scolastica può peggiorare i sintomi dell’ansia, depressione e persino stress post-traumatico. Perciò è importante che ogni studente alle prese con una prolungata tristezza o nervosismo presti attenzione ai sintomi che possono presentarsi sotto forma di dolori di stomaco, disturbi del sonno e facile irritabilità. Altri indizi potrebbero essere le ricerche di Google per termini come “Odio la scuola”, “Cos’è la depressione?” e “Cos’è l’ansia?”, tutti indicatori da non sottovalutare.

 

Se si desidera una valutazione esterna dei propri sentimenti ed esperienze, ma non si è ancora pronti a parlare con un amico, un genitore, un insegnante, un consulente o un medico, è possibile utilizzare lo strumento di screening gratuito e anonimo di Mental Health America. Se lo screening indica la necessità di rivolgersi ad un medico o un professionista della salute mentale per una valutazione, è possibile stampare i risultati da presentare allo specialista durante la visita.

 

 

Capacità di affrontare l’ansia

L’importante è porsi una serie di domande appropriate: in passato come ci si è comportati per sentirsi meglio? Viceversa, cosa ha reso le cose peggiori? Si può evitare? Rispondere a domande come queste può preparare gli studenti ad affrontare i momenti in cui lo stress e l’ansia colpiscono con maggiore intensità. A tal proposito esiste un kit di strumenti  messo a punto da Mental Health America, dove trovare consigli pratici per gestire le emozioni. Una delle risorse più popolari dell’organizzazione per i giovani è il foglio di lavoro “Stopping Stupid Thoughts”, un documento per aiutarti a gestire pensieri dolorosi che possono deformare l’umore, le relazioni e l’autostima di una persona.

 

Le risorse in rete

Grazie ad internet è semplice accedere a risorse per la salute mentale e materiali educativi. In seguito alcuni suggerimenti di siti utili e affidabili come Seize the Awkward e Half of Us, National Alliance on Mental Illness, JED Foundation, American Foundation per la prevenzione dei suicidi, National Eating Disorders Association, Born This Way Foundation, The Trevor Project e Crisis Text Line.

 

Ma oltre alle risorse reperibili in rete, fondamentali rimangono le persone, il contatto umano: secondo Nguyen è normale che le persone con problemi di salute mentale non si sentano sicure nel confidarsi e condividere i propri problemi. Ma contattare un amico, un genitore, un consulente, un allenatore o un conoscente di fiducia è di fondamentale importanza. Così come può essere utile partecipare a attività extrascolastiche, che offrono opportunità per aumentare l’autostima, acquisire nuove abilità e aumentare il senso di appartenenza. Scelta non semplice per adolescenti che si sentono soli perché sono stati vittime di bullismo e stanno mettendo in discussione la loro sessualità e identità di genere.

 

 

Più in generale i consigli pratici (e furbi) per prepararsi alla ripresa scolastica (ma buona parte di esse sono validi anche per la ripresa lavorativa) non mancano:

 

1: partiamo dalla sveglia

Prepararsi ai nuovi orari iniziando progressivamente ad impostare la sveglia sempre un po’ prima. Un modo efficace per aiutare gli studenti a rendere meno traumatico il giorno in cui dovranno svegliarsi presto.

 

2: compiti insieme ai compagni

Finire i compiti assegnati per le vacanze estive per rientrare a pieno regime scolastico. L’ideale sarebbe completarli assieme ai compagni di scuola organizzando una bella giornata di studio insieme, per ritrovare confidenza e riprendere alcune dinamiche di socializzazione interrotte con la fine dell’anno scolastico.

 

3: shopping terapeutico

Acquistare il materiale scolastico è gratificante e piacevole; può servire per alleggerite psicologicamente il pensiero della ripresa scolastica, facendo un giro nelle cartolibrerie per acquistare diari, quaderni, penne, matite, evidenziatori e tutto il necessario.

 

 

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter