Bambine ribelli atto terzo. In arrivo il diario segreto | iSchool | StartupItalia! immagine-preview
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 23 ottobre 2018 alle 8:05

Bambine ribelli atto terzo. In arrivo il diario segreto

Arriva il diario delle Storie della Buonanotte per stimolare le bambine ad essere protagoniste del proprio futuro. La campagna di crowdfunding su Kickstarter si è appena conclusa: 219,012 dollari

Le attività progettate per le bambine che troviamo nelle riviste, online, nei giochi delle corsie rosa dei negozi o in edicola in genere si limitano a chiedere di attaccare figurine su album, di fare acconciature alle bambole, di mettere smalti colorati, di intrecciare braccialetti e fare collanine.

Ma cosa succede se cambiamo radicalmente il contenuto delle attività “in rosa”?

Cosa succede se iniziamo a fare domande che stimolino il loro essere protagoniste: Per che cosa credi valga la pena di lottare? Che cosa vorresti dire al sindaco della tua città? Quali sono i vestiti che ti fanno stare bene? Che cosa ami di più del tuo corpo?

Tutto questo e molto altro è contenuto del nuovo progetto editoriale di Elena Favilli e Francesca Cavallo: I Am a Rebel Girl: A Journal to Start Revolutions un diario rosso, dietro il quale si cela una vera e propria scommessa: facendo domande migliori, possiamo crescere bambine migliori. In sostanza una generazione di giovanissime donne autentiche, libere e padrone del proprio corpo e soprattutto del proprio destino.

Un vero e proprio diario su cui scrivere pensieri, esperienze e riflessioni della propria quotidianità.

 

 

I Am a Rebel Girl: la nuova missione per le bambine

La nostra missione non è finita. Non è mai stato più importante di ora crescere ragazze che hanno il loro destino in mano. Ed è questo che cerca di sostenere il nuovo progetto: I Am a Rebel Girl – dichiarano le autrici su Kickstarter, che per i primi due progetti editoriali hanno attirato oltre 3 milioni di lettrici.

Il nuovo diario è stato pensato per accompagnare le bambine ribelli nel lungo viaggio che le farà diventare le donne di domani: l’adolescenza.

 

Il journal rosso conterrà principalmente illustrazioni, animazioni e stickers, tutto in perfetto stile DIY (Do It Yourself: crealo da sola). Le illustrazioni del libro sono pensate per condividere segreti e battaglie. All’interno troveremo quindi il pugno “per le cose per cui vale la pena combattere”, il cuore “per le parti del nostro corpo che amiamo”, le amiche “per le marce e i diritti”. Un diario per le donne di domani, che oggi sono nel percorso scolastico tra le elementari e le medie, fanno i compiti con le migliori amiche.

 

Anche in questo inizio di anno scolastico le due imprenditrici stimolano le giovanissime a coltivare il proprio spirito libero, a realizzare le proprie aspirazioni, senza vergognarsi di avere ambizioni, pensare in grande, anche amando e celebrando il proprio corpo. E cosa ancora più importante, aggiornando di fatto la “voce femminismo” per le nuove generazioni (l’eredità sociale del ’68 cinquanta anni dopo). “Diventare esse stesse agenti del loro cambiamento, con gioia e determinazione” attraverso annotazioni, confidenze e sollecitazioni che spuntano dalle pagine con le illustrazioni delle stesse artiste che hanno disegnato l’ormai iconiche Storie della buonanotte.

 

 

La campagna di crowdfunding via Kickstarter

La campagna di crowdfunding via Kickstarter I Am a Rebel Girl: A Journal to Start Revolutions è partita il 18 settembre si è conclusa il 17 ottobre,  ed ha già raggiunto il goal prefissato: attualmente a quota 219,012 dollari.

Chi ha contribuito alla raccolta fondi, riceverà il diario segreto ispirato a storie della buonanotte per bambine ribelli in tempo per Natale.

 

Storie della buona notte per bambine ribelli è stato un successo mondiale, un caso editoriale tradotto in 46 lingue e un fenomeno sociale Storie della Buonanotte per Bambine Ribelli, 100 storie di donne come esempio per inseguire i propri sogni e accendere la fantasia, un progetto finanziato dal basso con il crowdfunding lanciato da Cavallo e Favilli, il duo italiano di autrici e imprenditrici che in America hanno fondato la company Timbuktu.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter