Jovanotti diventa materia di studio all'Università | iSchool | StartupItalia! immagine-preview

Mag 16, 2019

Jovanotti diventa materia di studio all’Università

Sei Università milanesi hanno analizzato il fenomeno Jovanotti seguendo spunti differenti. Il primo? La filosofia del divertimento

“Mi parli di Jovanotti”. Lorenzo è diventato materia di studio negli atenei. Potrà sembrare strano ma l’artista è stato studiato da ben sei università milanesi. Il 15 maggio i risultati sono stati esposti agli studenti in un workshop ospitato nell’aula magna della Statale. Le sei università coinvolte sono la Statale, il Politecnico, la Bicocca, la Bocconi, la Cattolica e lo Iulm. A ciascuna il suo compito.

La filosifia del divertimento

La filosofia del divertimento, parte importante della narrazione a marchio Jova, è stata analizzata dall’università Statale; il Politecnico ha invece studiato le problematiche urbanistiche legata alla realizzazione del tour che debutterà il 6 luglio prossimo; alla Bicocca è toccato il rapporto con l’ambiente e il mare; la Bocconi si è concentrata sulle tematiche green connesse al tour e al suo impatto ambientale; mentre alla Cattolica è stato affidato il compito di analizzare lo spettacolo musicale come forma di comunicazione e rito. Infine lo Iulm è andato oltre l’aspetto artistico e ha fatto una valutazione economica del brand Jovanotti.

Un cantautore analizzato ai raggi X

E’ la prima volta che delle Università prendono in esame un cantautore e lo mettono ai raggi X andando alla ricerca di ogni aspetto che contribuisce al successo. Tra l’altro Jovanotti quest’estate inaugurerà il Jova Beach Party ovvero 15 concerti-festa sulla spiaggia con una chiusura in montagna. Sarà uno spettacolo che durerà tutta la giornata con più palchi, decine di ospiti diversi, dj set, artisti, spazi per i bambini. Per il tour è stata studiata anche una app che oltre a fare da bussola ai 15 appuntamenti con tutte le informazioni pratiche e di servizio, contiene anche una radio. Si tratta di un canale musicale creato dall’artista in collaborazione con Radio Italia: una play list di circa 2 mila pezzi dalla musica africana all’hip hop all’elettronica all’evergreen italiane ai classici del rock, selezionati da Jova che interviene nel palinsesto con delle session a sorpresa.

Una vera novità per la musica e la tecnologia.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter