Il MIUR prepara la didattica a distanza e pubblica 2 call | iSchool | StartupItalia!

Ultimo aggiornamento il 3 marzo 2020 alle 9:52

Il MIUR prepara la didattica a distanza e pubblica 2 call

Sul sito del Ministero dell'Istruzione, due call per tutte le realtà che vogliono sostenere le iniziative di didattica a distanza che si stanno attivando a seguito della chiusura delle scuole, in alcune zone d'Italia, per l'emergenza coronavirus

Il Ministero dell’Istruzione ha predisposto una pagina web  dove mettere a disposizione soluzioni tecnologiche per supportare gli istituti scolastici interessati. Attraverso le due call pubblicate il Ministero invita tutti i produttori di hardware (a titolo esemplificativo, PC, tablet, internet key) e di software che desiderano rendere disponibili a titolo gratuito i propri prodotti a manifestare tempestivamente la propria disponibilità attraverso la piattaforma Protocolli in rete, raggiungibile all’indirizzo https://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/

In particolare, per quanto riguarda le piattaforme e gli strumenti software di fruizione di materiali multimediali e assistenza alla community scolastica e piattaforme di collaborazione online vengono richiesti specifici requisiti tecnici elencati nell’avviso pubblicato sul sito del MIUR.

Call 1: Manifestazione di disponibilità a sostenere le iniziative di didattica a distanza, tramite fornitura hardware

Come è noto, con decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6, pubblicato in GU Serie Generale n. 45 del 23-02-2020, il Governo ha definito “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Il predetto decreto, nel prevedere che le competenti autorità dei Comuni o delle aree di cui al comma 1 “sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento e gestione adeguata e proporzionata all’evolversi della situazione epidemiologica”, specifica, al successivo comma 2, lettera d), che tra tali misure è prevista anche la “sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, compresa quella universitaria, salvo le attività formative svolte a distanza”.

Al fine di supportare le Istituzioni scolastiche coinvolte nel ricorso a metodologie didattiche a distanza, il Ministero sta predisponendo soluzioni tecnologiche che consentano di mettere in contatto docenti e studenti. Tanto premesso, con il presente avviso si invitano tutti i produttori di hardware (a titolo esemplificativo, PC, tablet, internet key) che desiderano rendere disponibili a titolo gratuito i propri prodotti per le finalità sopra rappresentate, a manifestare tempestivamente la propria disponibilità attraverso la piattaforma Protocolli in rete, raggiungibile all’indirizzo https://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/

Ciascuno strumento offerto, senza costi per questa Amministrazione e per le Istituzioni scolastiche, rimarrà gratuitamente nella disponibilità delle Istituzioni scolastiche beneficiarie.

 

Call 2: Manifestazione di disponibilità a sostenere le iniziative di didattica a distanza, attraverso piattaforme

Al fine di supportare le Istituzioni scolastiche coinvolte nel ricorso a metodologie didattiche a distanza, il Ministero sta predisponendo soluzioni tecnologiche che consentano di mettere in contatto docenti e studenti.

Si invitano tutti gli operatori di mercato, che producono servizi e/o strumenti funzionali alle finalità sopra rappresentate e desiderano renderli disponibili, a manifestare tempestivamente la propria adesione attraverso la piattaforma Protocolli in rete, raggiungibile all’indirizzo https://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/

Si richiedono, a titolo esemplificativo, piattaforme di fruizione di materiali multimediali e assistenza alla community scolastica e piattaforme di collaborazione on line.

Al momento dell’adesione attraverso la piattaforma Protocolli in rete, gli operatori sono tenuti ad allegare una dichiarazione che indichi il possesso dei requisiti sotto elencati:

– tutte le piattaforme devono essere rese disponibili gratuitamente nell’uso e nel tutorial; la gratuità va intesa sia nella fase di adesione ed utilizzo dello strumento sia al termine di tale fase. Nessun onere, pertanto, potrà gravare sulle Istituzioni scolastiche e sull’Amministrazione;

– per le piattaforme di fruizione di contenuti didattici e assistenza alla community scolastica: sicurezza, affidabilità, scalabilità e conformità alle norme sulla protezione dei dati personali, nonché divieto di utilizzo a fini commerciali e/o promozionali di dati, documenti e materiali di cui gli operatori di mercato entrano in possesso per l’espletamento del servizio;

– per le piattaforme di collaborazione on line: qualifica di “cloud service provider della PA” inerente alla piattaforma offerta, ai sensi delle circolari Agid n. 2 e 3 del 9 aprile 2018.

Ciascun servizio/strumento offerto, senza costi per questa Amministrazione e per le Istituzioni scolastiche, dovrà essere supportato da adeguate misure di assistenza, come ad esempio help desk o tutoraggio on line, per facilitarne l’utilizzo da parte dei docenti e degli studenti.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter