Francia, hackerata la DAD. Il governo: "Cyberattacco dall'estero" | iSchool | StartupItalia!
single.php

Ultimo aggiornamento il 6 Aprile 2021 alle 13:15

Francia, hackerata la DAD. Il governo: “Cyberattacco dall’estero”

Server in tilt, alunni che non riescono a entrare, proff sbattuti fuori dalle classi virtuali. Secondo il ministro dell'Educazione, Jean-Michel Blanquer, si tratta di “un cyberattacco che arriva dall'estero”

Parte malissimo il quarto lockdown della Francia, dove, al rientro in Dad (la didattica a distanza) a seguito della chiusura delle scuole per le festività di Pasqua (e per le nuove limitazioni imposte dal presidente Emmanuel Macron nel tentativo di arginare l’avanzata del Covid-19), insegnanti e alunni si sono ritrovati con sistemi eccezionalmente lenti, travolti da crash continui e disservizi di varia natura.

dad francia

 

Leggi anche: Emergenza dad: per sei studenti su dieci così non si impara

Francia, cosa sappiamo sull’attacco hacker alla Dad

Tutto ciò si è verificato appunto in Francia questa mattina, al primo giorno di Dad, dopo mesi di insegnamento in presenza visto che, fino all’ultima presa di posizione dell’esecutivo, il governo francese aveva preferito tenere le scuole aperte, nonostante la crescita dei numeri del contagio.

Francia Dad

Secondo il ministro dell’Educazione, Jean-Michel Blanquer, si tratta di “un cyberattacco che arriva dall’estero”. A giudicare dal numero di denunce arrivate, anche attraverso i social, da insegnanti, alunni e genitori, il sito ‘Ma classe à la maison‘, che raggruppa 3 piattaforme pedagogiche (per i bambini delle elementari, quelli delle medie e per i licei) funziona a singhiozzo o non risponde affatto: alunni che non riescono a loggarsi, sistemi freezati, professori sbattuti fuori dalle aule virtuali. “Sono in corso attacchi informatici – ha detto Blanquer ad alcuni giornalisti in margine ad una visita – questa mattina sembra arrivino dall’estero, per impedire ai server di funzionare. Il tecnici sono al lavoro per ripristinare il servizio. Fortunatamente non sono tutti coinvolti”.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche