Laurent Simons, a 9 anni sarà il laureato più giovane al mondo
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 24 novembre 2019 alle 6:25

Laurent Simons, a 9 anni sarà il laureato (in ingegneria) più giovane al mondo

Un prodigio che ora sogna una laurea in medicina per sviluppare organi artificiali. Ma i bambini plus dotati hanno anche bisogno di sentirsi inclusi

Dal suo profilo Instagram sembra un bambino come tutti gli altri: Laurent Simons, belga di 9 anni, pubblica foto con il suo pastore tedesco e sembra impazzire per gelati e patatine fritte. Eppure questo piccolo bimbo prodigio sta per concludere il percorso di studi all’ateneo olandese Eindhoven University of Technology in ingegneria elettronica. Se a dicembre tutto dovesse andare per il verso giusto, sarebbe il laureato più giovane al mondo dopo aver bruciato le tappe e qualsiasi record di precocità negli studi. E cosa potrà mai fare un bambino di neanche 10 anni con un traguardo simile già nel curriculum? Godersi la giovane età per giocare e divertirsi? «Mi piacerebbe studiare medicina e creare organi artificiali», ha detto al New York Times.

© Fonte: Profilo Instagram Laurent Simons

Fuoricorso a chi?

Con un figlio simile è probabile che i genitori di Laurent Simons non abbiano mai avuto problemi alle udienze con gli insegnanti. «La sua capacità di assorbire le materie è molto alta – ha detto di lui Peter Baltus, docente della Eindhoven University of Technology e mentore del piccolo – questo significa che con Laurent possiamo andare molto più veloci e coprire un programma in molto meno tempo». Probabile che dopo aver conquistato un titolo simile in Europa, il prossimo passaggio sarà un periodo di ulteriore formazione accademica negli Stati Uniti.

Leggi anche: Filippo Caccamo, da Zelig a Instagram giocando sulle ansie degli universitari

© Fonte: Profilo Instagram Laurent Simons

Il quoziente intellettivo di Laurent Simons è di 145 che, per intenderci, vuol dire essere a un soffio da un genio come Bill Gates (il fondatore di Microsoft ha un Q.I di 160). In una vita così straordinaria il bambino belga riesce comunque a trovare spazio per i videogiochi (va matto per Fortnite) e le serie tv. Dopotutto non deve essere facile essere un bambino con capacità e abilità simili. Il caso di Laurent Simons ha attirato le attenzioni di tutto il mondo, ma spesso gli alunni plus dotati corrono il rischio di essere esclusi e non compresi dagli insegnanti. Ce lo aveva spiegato Raffaella Silbernagl, cofondatrice della startup Feed Their Minds. Ragion per cui quello che prima di tutto auguriamo al piccolo belga è una giovinezza felice e spensierata. Con una testa simile non dovrebbe certo aver problemi nel mondo del lavoro.

Leggi anche: Feed Their Minds la startup che aiuta i genitori di bambini plusdotati

© Fonte: Profilo Instagram Laurent Simons

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter