#ZeroBullismo: concorso nazionale per scuole e giovani immagine-preview

Apr 12, 2019

#ZeroBullismo: concorso nazionale per scuole e giovani

Un concorso nazionale per scuole e giovani per sensibilizzare l'opinione pubblica al tema del bullismo: a Milano è stato presentato #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete

Un concorso nazionale per scuole e giovani per sensibilizzare l’opinione pubblica al tema del bullismo: a Milano è stato presentato #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete.

Il concorso promosso da ND Comunicazione e dallo Studio legale DIKE nell’ambito del progetto #Zerobullismo con il sostegno di Every Child is My Child onlus e il contributo dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, è rivolto ai giovani e agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, singoli o in gruppo, e prevede la realizzazione di elaborati letterari, audiovisivi, grafici, digitali o in musica da consegnare entro il 31 maggio 2019.

Lo scopo è favorire la sensibilizzazione sul tema del cyberbullismo, facendo emergere i comportamenti legati alle nuove tecnologie che possono favorirlo e le metodologie per contrastarlo.

Due ragazzi su cinque hanno visto episodi di cyberbullismo

Secondo la ricerca di EU Kids Online (realizzata da OssCom – Centro di ricerca sui media e la comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore per il Miur) svolta su un campione di 25mila ragazzi tra i 9 e 16 anni e i loro genitori in 25 Paesi Europei, il 19% degli intervistati è stato testimone di episodi di cyberbullismo in un anno.

Il 31% ha visto online messaggi d’odio e non soltanto cresce l’esposizione a contenuti pornografici, ma anche la percentuale (13%) dei giovani che hanno vissuto su internet esperienze che li hanno turbati o fatti sentire a disagio, in particolare fra i bambini tra i 9-10 anni.

In questo contesto, un ragazzo su quattro non ha parlato con nessuno delle esperienze negative, chiudendosi in sé stesso, anche se genitori e amici risultano ancora essere le principali fonti di sostegno quando i ragazzi decidono di aprirsi.

 

La legge contro il cyberbullismo

Nel 2017 è stata promulgata una legge che introduce uno strumento flessibile e aggiornabile per rispondere alle sfide educative e pedagogiche legate alla costante evoluzione delle nuove tecnologie.

La norma fornisce per la prima volta una definizione giuridica del cyberbullismo come qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo.

Ogni istituto scolastico deve individuare fra i docenti un referente con il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo, anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia e delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio.

Ciascun minore ultraquattordicenne (o i suoi genitori o chi esercita la responsabilità del minore) che sia stato vittima di cyberbullismo può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco dei contenuti diffusi nella rete.

È stata estesa al cyberbullismo la procedura di ammonimento prevista in materia di stalking (art. 612-bis c.p.). In caso di condotte di ingiuria (art. 594 c.p.), diffamazione (art. 595 c.p.), minaccia (art. 612 c.p.) e trattamento illecito di dati personali (art. 167 del codice della privacy) commessi mediante internet da minori ultraquattordicenni nei confronti di altro minorenne

 

Le info per partecipare al concorso

Al concorso si può partecipare fino al prossimo 31 maggio, iscrivendosi attraverso il sito www.zerobullismo.it . La premiazione avverrà a fine luglio in occasione del Campus Party di Milano. I premi per i primi 3 classificati per ciascuna categoria saranno premi dal valore a partire di 2.000 euro per il primo classificato.

Con gli elaborati pervenuti si realizzerà la campagna #zerobullismo dei ragazzi per i ragazzi. Le opere potranno essere pubblicate sul sito www.zerobullismo.it e degli altri enti promotori, nonché utilizzate per la realizzazione di mostre e un eventuale cortometraggio che farà parte della campagna di comunicazione contro il Cyberbullismo e l’uso consapevole dei social.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter